Fattori di Rischio

Bambini che hanno contatti uguali e significativi con due genitori idonei:

  • È MENO probabile che abbandonino la scuola;
  • È MENO probabile che scappino di casa;
  • È MENO probabile che rimangano incinta o abbiano un aborto;
  • È MENO probabile che si suicidino;
  • È MENO probabile che cerchino o creino una relazione violenta;
  • È MENO probabile che commettano reati;
  • È MENO probabile che abusino di droghe o alcool;
  • REGOLARE meglio la separazione rispetto ai bambini con un custode;
  • È più probabile che abbiano relazioni di successo;
  • È più probabile che abbiano abitudini di sonno sane e salute generale.

Fatti Suggeriti

  • Il comportamento degli adolescenti nel bere è fortemente associato al modo in cui credono che i loro padri si sentano riguardo al bere (The National Center on Addiction and Substance Abuse, 2009).
  • Quando il padre di un bambino è attivamente coinvolto nella sua vita, il bambino ha risultati accademici migliori. (Jones & Mosher, 2013)
  • Quando un padre è coinvolto nella vita di un bambino, il bambino ha meno probabilità di partecipare al sesso prematrimoniale. (National Center for HIV/AIDS, Viral Hepatitis, STD, and TB Prevention , 2013).
  • Esiste una significativa associazione tra comunicazione padre-adolescente e comportamenti sessuali adolescenziali come un aumento dell’uso del preservativo e l’astinenza dal sesso. (Guilamo-Ramos, et al., 2012).
  • Il rischio di incarcerazione di un bambino che vive solo con sua madre è notevolmente aumentato rispetto a quello di un bambino che vive con solo suo padre è uguale a quello di un bambino che vive con entrambi i genitori. È una possibilità ancora più significativa di incarcerazione se nella casa c’è un patrigno o un patrigno. (Harper & McLanahan, Center for Research on Child Well-being).
  • Oltre l’83% degli adolescenti che hanno un buon rapporto con il padre crede che fumare marijuana sia un grosso problema e non una decisione saggia. (The National Center on Addiction and Substance Abuse, 2009).
  • I bambini in condizioni di affidamento esclusivo hanno molti più problemi di sonno, difficoltà di concentrazione, perdita di appetito, mal di testa, mal di stomaco e vertigini più frequenti e segnalano più spesso sentimenti di depressione e tristezza generale rispetto ai bambini in situazioni di custodia in cui è coinvolto il genitorialità condivisa (Bergstrom, 2015).
  • La ricerca mostra che la genitorialità condivisa comporterebbe un minor numero di casi di assenze, delinquenza, attività legate alle bande, pochi reati minorili e gravidanze tra adolescenti. (Holstein, 2015).
  • Fino al 75% di tutti gli adolescenti iscritti a programmi di abuso di sostanze chimiche e sostanze proviene da case con un solo genitore. (Holstein, 2015).
  • L’85% delle persone incarcerate è cresciuto in case con un solo genitore. (Holstein, 2015)

Tasso di Individui Incarcerati provenienti da Nuclei Mono-Parentali

  • Donne e uomini commettono abusi fisici su minori in proporzioni quasi uguali. (Administration for Children and Families, 2014).
  • Padri/Padri e Partners perpetrano solo il 21,6% degli abusi sui minori; mentre madri/madri e partners commettono il 47,6% di tutti gli abusi sui minori. (Administration for Children and Families, 2014).
  • Oltre il 76% di abbandono medico è commesso da donne. (Administration for Children and Families, 2013).
  • I tribunali trattano meno del 25% dei casi di maltrattamento sui minori. (Administration for Children and Families, 2013).
  • Le donne commettono oltre il 62% di tutti i bambini trascurati. (Administration for Children and Families, 2013).
  • Di tutti i decessi negli Stati Uniti causati da abusi su minori, solo il 16,4% è causato dal padre/padre e partner, mentre il 38,9% è causato dalla madre/madre e partner. (Administration for Children and Families, 2014).
  • Negli Stati Uniti, ogni anno ci sono oltre 700.000 vittime di abusi su minori (Administration for Children and Families, 2014).

Madri/Madri & Partners

  • A sei mesi, i bambini i cui padri erano stati coinvolti attivamente dalla nascita hanno ottenuto un punteggio più alto in un test di sviluppo mentale e motorio rispetto ai bambini i cui padri non sono stati coinvolti nelle prime otto settimane. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • I bambini prematuri i cui padri hanno trascorso più tempo a giocare con loro avevano risultati cognitivi migliori all’età di tre anni. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • La ricerca indica che i genitori condivisi si traducono in migliori risultati accademici e oltre il 70% di tutti gli abbandoni delle scuole superiori proviene da un nucleo monoparentale. (Holstein, 2015).
  • I bambini in regime di genitorialità condivisa ottengono risultati di test accademici molto migliori rispetto a quelli che vivono in famiglie monoparentali in cui è in custodia esclusiva (Bergstrom, 2015).

Benessere Mentale ed Emotivo

  • I livelli più bassi di coinvolgimento di un padre sono stati collegati a livelli di aggressività più elevati. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • Il conflitto rimane generalmente più elevato nell’affido esclusivo che nelle famiglie con affido condiviso, specialmente se il tempo dei genitori affidatari non è condiviso. (Neilson, 2013).
  • I bambini in affido condiviso e quelli che vedono frequentemente i loro padri stanno meglio nelle misure di benessere anche quando i loro genitori hanno conflitti in corso. (Neilson, 2013).
  • I bambini i cui padri erano stati attivamente coinvolti dalla nascita hanno gestito meglio lo stress durante gli anni scolastici. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • Gli adolescenti di età compresa tra 14 e 19 anni hanno maggiore autostima e meno depressione quando hanno maggiore intimità con i loro padri. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • Si è scoperto che i ragazzi afroamericani con genitori sposati avevano maggiore autostima, autocontrollo e sentimenti di potere personale rispetto ai ragazzi che avevano solo le loro madri in casa, anche quando il reddito, l’educazione dei genitori e il numero di persone che vivevano in la casa era controllata. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • I bambini coinvolti nella genitorialità condivisa soffrono di meno depressione e mostrano meno rabbia, iperattività e delinquenza. (Holstein, 2015).
  • I bambini nelle case con un solo genitore rappresentano il 63% di tutti i suicidi adolescenti (Holstein, 2015).

Modalità di Vita, Visita e Relazioni

  • In due sondaggi nazionali con 2000 genitori, i papà hanno trascorso 33 ore a settimana con i bambini e le madri ne hanno spesi 50. (Neilson, 2013).
  • Solo il 24% dei genitori non affidatari vede i propri figli una volta alla settimana. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • I bambini formano forti attaccamenti per entrambi i genitori e all’incirca nello stesso momento. Qualunque preferenza iniziale i bambini possano avere per un genitore scompare entro i 18 mesi di età. (Neilson, 2013).
  • Gli studi dimostrano che gli uomini si preoccupano dei loro figli nella stessa capacità e allo stesso ritmo delle donne (TED, 2015).
  • Uno studio in corso metodicamente valido presso l’Università di Yale indica che non vi è alcuna differenza tra i problemi del sonno, l’ansia, l’aggressività e il ritiro sociale dei bambini di età compresa tra i due e i quattro anni che trascorrono la notte con entrambi i genitori e quelli che rimangono principalmente con uno separazione post genitori. Lo stesso studio mostra che i bambini dai quattro ai sei anni che trascorrono le notti con un genitore non affidatario hanno meno problemi di quelli che non trascorrono le notti, in particolare le ragazze. (Neilson, 2013).
  • I bambini formano forti attaccamenti per entrambi i genitori e all’incirca nello stesso momento. Qualunque preferenza iniziale i bambini possano avere per un genitore scompare entro i 18 mesi di età. (Neilson, 2013).
  • Il tempo di paternità, in particolare il tempo che non si limita principalmente ai fine settimana o ad altri piccole porzioni di tempo, è strettamente associato alla qualità e alla resistenza della relazione padre-figlio/i (Neilson, 2013).
  • Circa 18 milioni (24 percento). di bambini vivevano con un solo genitore di riferimento femminile, mentre 2,6 milioni (4 percento) vivevano con un solo genitore maschio di riferimento. (Laughlin, 2014).
  • Nove padri su 10 (90%). che vivevano con bambini di età inferiore ai 5 anni facevano il bagno, cambiavano pannolini o vestivano i bambini, o li aiutavano a fare il bagno, vestirsi o usare il bagno “ogni giorno” o “più volte alla settimana,” rispetto al 31% dei padri che vivevano separati dai loro figli (Jones & Mosher, 2013).
  • I padri che vivevano con bambini di età inferiore ai 5 anni avevano sei volte più probabilità dei padri che non vivevano con i loro bambini piccoli di leggergli qualcosa ogni giorno. (Jones & Mosher, 2013).
  • La ricerca ha dimostrato che i neonati possono riconoscere la voce non solo della loro madre, ma anche del loro padre e sono in grado di distinguerla dalla voce di altri maschi e farlo con preferenza (TED, 2015).
  • Fino all’81% dei padri che vivono con i propri figli gioca con loro su base giornaliera e un ulteriore 18% gioca con i propri figli più volte alla settimana. Per i padri non affidatari, solo il 10% gioca con i propri figli su base giornaliera, il 29% diversi giorni alla settimana e il 37% non ha giocato con i propri figli nelle ultime quattro settimane. (Jones & Mosher, 2013).
  • Oltre il 50% delle madri ha espresso la convinzione che i padri siano sostituibili, sia dalle madri (55%). che da altri maschi (66%). (US Department of Health and Human Services, 1996).

Legale

  • Dei bambini con padri non residenti, solo il 17% vede i loro padri almeno una volta alla settimana e l’altro 83% vede i loro padri meno di una volta alla settimana. Di quell’83%, almeno il 40% di quei bambini non ha visto i propri padri durante l’anno precedente. (US Department of Health and Human Services, 2015).
  • Ogni anno ci sono oltre 5 milioni di nuovi casi giudiziari per le relazioni nazionali. (National Center for State Courts, 2015).
  • Nel 2011, oltre il 28% dei bambini di età inferiore a 21 anni, mentre gli altri genitori vivevano altrove, e oltre il 50% dei bambini di età inferiore ai 21 anni vive in una famiglia di genitori affidatari. (Grall, 2013).
  • Solo il 14% circa dei genitori affidatari sono padri. (US Census Bureau, 2014).
  • Nelle famiglie con genitore condiviso, fino all’85% dei genitori inizialmente non aveva voluto condividere, ma i negoziati di mediazione, contenzioso o avvocati hanno portato al piano di genitorialità condiviso. (Neilson, 2013).
  • Fino a quattro anni dopo l’accordo, fino al 90% delle famiglie partecipava ancora al piano di genitorialità condivisa. (Neilson, 2013).
  • Fino al 73% dei genitori separati o divorziati ha accordi di affidamento sotto forma di ordinanze del tribunale, ma di questi, solo il 23% è stato volontariamente concordato. (US Department of Health and Human Services, 1996).
  • I sondaggi hanno indicato che non sono solo i genitori non affidatari a essere favorevoli all’attuazione di leggi e politiche sui genitori condivise; fino all’86% di tutti gli adulti è a favore della genitorialità condivisa. (Holstein, 2015).

Mantenimento dei Figli ed Economia

  • Il livello di occupazione a tempo pieno per tutto l’anno per le madri affidate è del 47%, mentre lo stesso per i padri è superiore al 65%. (Grall, 2013).
  • Nel 2011 circa il 43% delle madri affidatarie riceveva assistenza pubblica; mentre solo il 23% dei padri affidatari ha ricevuto assistenza pubblica (Grall, 2013).
  • Tra il 1987 e il 2011, il numero di mamme casalinghe è aumentato dal 28% al 44%. (US Census Bureau, 2011).
  • Oltre il 74% dei genitori affidatari che ricevono il mantenimento dei figli ha ricevuto pagamenti totali o parziali, incluso oltre il 43% che ha ricevuto il pagamento completo. (Grall, 2013).
  • Quando sono in atto accordi di affido condiviso, si verifica un aumento significativo del verificarsi del pagamento integrale del mantenimento dei figli. (Grall, 2013).
    Il pagamento medio dell’assegno per i figli ha rappresentato i due terzi (66,7 per cento). del reddito personale annuale medio per i genitori affidatari al di sotto della povertà che hanno ricevuto il sostegno completo per i figli. (Grall, 2013).
  • Il tasso di povertà delle famiglie con madri affidatarie nel 2011 (31,8 per cento). era circa il doppio del tasso di povertà delle famiglie con padri affidatari (16,2 per cento). (Grall, 2013).
  • Tra i genitori affidatari che avevano stipulato accordi per il mantenimento dei figli, nel 2011 erano dovuti in totale $ 37,9 miliardi di pagamenti per il mantenimento dei figli (Grall, 2013).
  • Nel 2011, il 56,7% di tutti i genitori affidatari ha ricevuto almeno un tipo di sostegno non in denaro, come regali o copertura delle spese, dai genitori non affidatari per i propri figli. (Grall, 2013).
  • Nel 2011, oltre il 53% delle madri affidatarie ha ricevuto il mantenimento dei figli e solo il 28% dei padri affidatari ha ottenuto lo stesso. (Grall, 2013).

False Accuse e Violenza Domestica

  • La violenza domestica contro le donne e la violenza domestica contro gli uomini si verificano in proporzioni quasi uguali. (Domestic Violence Statistics Organization, 2012).
  • Gli uomini in genere non denunciano la violenza domestica nel timore del ridicolo sia da parte delle forze dell’ordine che da parte del pubblico. (Domestic Violence Statistics Organization, 2012).
  • Il 63% dei maschi (contro il 15% delle femmine). ha avuto un’arma mortale usata contro di loro in un combattimento con un partner intimo. (Domestic Violence Statistics Organization, 2012).
  • C’è relativamente poca ricerca sulla violenza domestica contro gli uomini perché nessuna organizzazione, incluso il governo degli Stati Uniti, è disposta a finanziare la ricerca. (Domestic Violence Statistics Organization, 2012).
  • Nei casi di violenza domestica in cui vi era reciprocità, oltre il 71% degli iniziatori erano donne e, in quei casi, gli uomini avevano maggiori probabilità di essere feriti rispetto alle donne. (Rhymes, 2014).
  • La maggior parte delle ricerche condotte sui maschi come vittime di violenza domestica è racchiusa nella ricerca sulla ragione della violenza domestica sulle donne, non da “gruppi di uomini anti-donne”. (Rhymes, 2014).

Le Donne come Iniziatrici della Violenza Domestica al momento della Reciprocità Verificata

Censimento

  • Il divorzio colpisce un milione di bambini ogni anno (Baker A. a., 2008).
  • Nel 2011, il 18,2% dei bambini ha avuto un cambiamento nel numero di genitori coinvolti nella propria vita. (Laughlin, 2014).
  • Complessivamente, questi bambini hanno meno probabilità di consumare pasti regolari con la famiglia, partecipare ad attività extracurricolari, leggere come una famiglia e partecipare a lezioni di talento accademico. (Laughlin, 2014).
  • La percentuale di bambini che vivono con un solo genitore è triplicata dal 1960, dal 9% circa al 27%. (US Census Bureau, 2015).
  • Oggi meno della metà (48 percento). delle famiglie sono coppie sposate, in calo rispetto al 76 percento del 1940. (US Census Bureau, 2015).
    214.000 Numero )..di papà casalinghi nel 2013. Questi padri sposati con figli di età inferiore ai 15 anni sono rimasti fuori dalla forza lavoro per almeno un anno, in primo luogo in modo che possano prendersi cura della famiglia mentre la moglie lavora fuori casa. Questi padri hanno curato circa 434.000 bambini. (US Census Bureau, 2014).
  • Tra il 1970 e il 2012, la percentuale di famiglie sposate con figli di età inferiore ai 18 anni si è dimezzata dal 40 al 20 percento. (Vespa, Lewis e Kreider, 2012).
  • I bambini neri (55%). e quelli ispanici (31%). avevano maggiori probabilità di vivere con un genitore rispetto ai bambini bianchi non ispanici (21%). o asiatici (13%).. (Vespa, Lewis e Kreider, 2012).
  • Al momento della nascita, il 91% dei padri è coinvolto con la madre, ma quando il bambino entra in età prescolare, questo numero scende a meno del 50% (TED, 2015).

Opere Citate

  • Administration for Children and Families. (2013). Child Maltreatment. US Department of Health and Human Services.
  • Administration for Children and Families. (2014). Child Maltreatment. US Department of Health and Human Services.
  • America’s Families and Living Arrangements: 2012: Population Characteristics. US Census Bureau.
  • Baker, A. (2011). Parental Alienation: Prevention is the Key. Psychology Today.
  • Baker, A. a. (2008). Working with Alienated Children and Their Targeted Parents: Suggestions Fore Sound Practices for Mental Health Professional. Psychotherapy & Integrative Health.
  • Bergstrom, M. F. (2015, April 28). Fifty Moves a Year: Is There An Association Between Joint Physical Custody and Psychosomatic Problems in Children? Journal of Epidemiology and Community Health.
  • Domestic Violence Statistics Organization. (2012, May 16). Men: The Overlooked Victims of Domestic Violence.
  • Grall, T. (2013). Custodial Mothers and Fathers and Their Child Support: 2011. US Census Bureau.
  • Guilamo-Ramos, V., Bouris, A., Lee, J., McCarthy, K., Michael, S., Pitt-Barnes, S., et al. (2012). Paternal Influences on Adolescent Sexual Risk Behaviors: A Structured Literature Review. Pediatrics, 1313-1325.
  • Harper, C., & McLanahan, S. (Center for Research on Child Wellbeing). Father Absence and Youth Incarceration.
  • Holstein, N. (2015, May 21). Reining in our nation’s family courts.
  • Jones, J., & Mosher, W. (2013). National Health Statistics Report: Fathers’ Involvement with their Children: United States, 2006-2010. US Department of Health and Human Services.
  • Laughlin, L. (2014). A Child’s Day: Living Arrangements, Nativity, and Family Transitions: 2014 (Selected Indicators of Child Well Being): Household Economics Studies. US Census Bureau.
  • National Center for HIV/AIDS, Viral Hepatitis, STD, and TB Prevention . (2013).Ways to Influence Your Teen’s Sexual Risk Behavior: What Father’s Can Do. Center for Disease Control.
  • National Center for State Courts. (2015). Court Statistic Project.
  • Neilson, L. (2013). Parting Time & Shared Residental Custody: Ten Common Myths. Nebraska Lawyer, 5-8.
  • Resolution. (2014, November 24). News Release. Retrieved from Exam Results “Suffering”.
  • Rhymes, E. (2014, September 19). Women As Aggressor: The Unspoken Truth of Domestic Violence.
  • TED. (2015, May 25). First Time Fathers: A Candid View of Their Experiences. (M. Keller, Performer) Tallahassee, FL.
  • The National Center on Addiction and Substance Abuse. (2009). National Survey of American Attitudes on Substance Abuse XIV: Teens and Parents. Columbia University.
  • US Census Bureau. (2011). Current Population Survey: Supplements. US Department of Commerce.
  • US Census Bureau. (2012). Table 335. Total Incoming Caseloads in State Trial Courts by Case Category:. US Department of Commerce.
  • US Census Bureau. (2014). America’s Families and Living Arrangements. US Department of Commerce.
  • US Census Bureau. (2014). Families and Living Arrangements: Families. US Department of Commerce.
  • US Census Bureau. (2015). One in Five Children Receive Food Stamps, Census Bureau Reports (CB15-16 *REVISED*). US Department of Commerce.
  • US Department of Health and Human Services. (1996). Non-custodial parents’ participation in their children’s lives: Evidence from the Survey of Income and Program Participation . US Department of Health and Human Services.
  • US Department of Health and Human Services. (2015, April 17). Office of ADolescent Health. Retrieved May 18, 2015, from Fatherhood E-Learning Module: http://www.hhs.gov/ash/oah/resources-and-publications/learning/fatherhood/
  • Vespa, J., Lewis, J., & Kreider, R. (2012).